Settembre 22, 2019

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha

Attualità

PENNE – Già nel '72 era nel mirino dei fascisti (un ordigno delle Squadre d'Azione Mussoliniane esplose come avvertimento nel cortile dello stabile dove abitava), ucciso però sette anni dopo dai comunisti di Prima Linea. Quarant'anni fa a Milano l'agguato ad Emilio Alessandrini, pennese del '42, magistrato fra i più esposti nella lotta al terrorismo.

LORETO APRUTINO – Dal 30 dicembre 2018 il C.A.S. DI Contrada Cancelli non è più in funzione, la struttura è stata svuotata ed i presunti profughi spostati altrove. La decisione è avvenuta a seguito della comunicazione della Procura di non affidare alla società che gestiva il centro altri immigrati. Questa la versione ufficiale, ma la voce che circola insistentemente sembra essere altra: le diverse denunce per la scarsa igiene, il sovraffollamento e gli esposti per un presunto caporalato (lavoro nero) hanno consigliato alla società gestrice del centro di togliere al più presto le tende.

Con i suoi 20 metri di altezza e una chioma imponente questo grande Cupressus sempervirens svetta  nel giardino botanico Parco dei Ligustri da circa ottanta anni. E’ uno degli alberi più importanti presenti nel centro storico di Loreto Aprutino. Un cimelio dell’antico giardino storico degli anni Trenta del Novecento, finalmente restaurato attraverso una eccellente potatura in quota eseguita in tree climbing.

Passaggio di consegne tra l’ex coordinatore della Protezione civile comunale, Giulio Labricciosa, e il nuovo coordinatore, Alcide Santamicone, 47 anni, già attivo nel mondo del volontariato pennese. La cerimonia istituzionale si è svolta nella sala consiliare del Municipio, alla presenza dei volontari della Protezione civile “Jonny Damiani”, degli alpini della Sezione “Tommaso Cutilli” e dei carabinieri in concedo dell’Anc – Sezione di Penne.

id="system-readmore" /> <p>È stata una festa bellissima voluta per ringraziare i tanti volontari impegnati nella sicurezza della comunità pennese. Presente anche una delegazione del Distaccamento dei Vigili del Fuoco. Nel corso della cerimonia, inoltre, è stato consegnato un riconoscimento a Giulio Labricciosa, ex maresciallo in pensione del Corpo forestale dello Stato, da sette anni guida del gruppo di Protezione Civile. “Giulio Labricciosa è stato per molti anni prezioso riferimento del gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile “Jonny Damiani”, esempio luminoso di tenacia, fermezza morale e dedizione al prossimo”, hanno scritto il sindaco Mario Semproni e il delegato alla protezione civile Antonio Baldacchini nella pergamena consegnata a Giulio Labricciosa. A breve sarà l’inaugurata la nuova sede della Protezione civile di Penne, messa a disposizione dal Comune, che ospiterà in caso di emergenze anche il Centro operativo comunale (Coc).</p>"

L’amministrazione comunale di Pianella non perde tempo ed attua tempestivamente le procedure per la pronta ripresa del cantiere di c.da Nardangelo al fine di poter consegnare al più presto alle tante associazioni sportive, alle scolaresche ed all’intera cittadinanza, la tanto attesa struttura polifunzionale coperta.

Il Comune di Spoltore è alla ricerca di un locale per la Biblioteca: a partire da oggi (30 gennaio 2019) l'Ente ha pubblicato l'avviso sul sito istituzionale. L'obiettivo è verificare la disponibilità di un immobile nel centro storico (così come definito dal piano regolatore generale), con dimensione compresa tra i 150 e i 250 metri quadri, idoneo dal punto di vista sanitario e della sicurezza. L' avviso è finalizzato ad una indagine di mercato e dunque "non costituisce avvio di una procedura di gara pubblica né proposta contrattuale" e non saranno vincolanti per il Comune.

Inaugurati ieri pomeriggio i Must (moduli ad uso scolastico temporaneo) realizzati in località Fonte Nuova, che ospiteranno gli studenti dell’istituto tecnico commerciale e per geometri “Guglielmo Marconi”, rimasti senza aule dopo il crollo del tetto del palazzo De Sterlich avvenuto il 18 gennaio 2017 a seguito degli eventi calamitosi che misero in ginocchio la città di Penne.

Abbiamo ricevuto – dice Marco Marsilio candidato presidente alla Regione Abruzzo per il centro destra - una sorprendente lettera della direzione dell’azienda sanitaria locale, con la quale è stato impedito all’On. Giorgia Meloni, di visitare il nosocomio e, quindi, di svolgere una delle prerogative dei parlamentari della Repubblica.

(ANSA) - PESCARA, 28 DIC - Nuovo fascicolo di indagine sulla tragedia dell'Hotel Rigopiano di Farindola (Pescara) dove, dopo la valanga che travolse la struttura il 18 gennaio 2017, morirono 29 persone. La Procura di Pescara ha notificato 7 avvisi di garanzia per il reato di frode in processo penale e depistaggio a carico del personale della Prefettura di Pescara.

PENNE – Un milione e trecentomila euro già incassati con assegni circolari di Banca Intesa, il resto, altrettanto, in tre anni. Un’entrata vera, significativa per il Comune di Penne grazie alla vendita del 46% di Vestina Gas presieduta dal loretese Domenico Donatelli, amministrata da Flavio Battista insieme al pennese Paride Peretti.

PENNE – Salta l'accordo per Brioni. Dopo la presentazione del piano industriale da parte dell'amministratore delegato Fabrizio Malverdi, le trattative si sono chiuse senza raggiungere una ipotesi di accordo con le organizzazioni sindacali, anche sulla flessibilità.

Cristiana Valentini e Goffredo Tatozzi, avvocati difensori del sindaco di Farindola, Lacchetta, al termine dell’interrogatorio del loro assistito, in merito all'inchiesta sul disastro dell'Hotel Rigopiano, hanno riferito che alla domanda del Procuratore al primo cittadino del Comune Vestino per il quale si fosse rivolto all’ex governatore D’Alfonso per chiedere aiuto, Lacchetta ha spiegato : “  Che lo ha fatto innanzitutto perché lo impone la legge di protezione civile nazionale e poi perché quello era il sistema D'Alfonso che, come dimostrato anche dall'emergenza del 2015, si basava sul fatto che bisognava rivolgersi" all'allora governatore "per avere uomini e mezzi, dunque per chiedere aiuto".