Dal Lussembugo a Parigi, gli ultimi anni italiani di Brioni

PENNE – Se davvero i francesi di monsieur F.Henry Pinault della Holding Ppr (7,2 miliardi di euro di ricavi e 722 milioni di utile a fine giugno) stanno formalizzando l’acquisto del marchio Brioni sborsando 350 milioni di euro, per i 1.300 addetti del gruppo tessile vestino-romano non ci dovrebbero essere rischi.

 

Perché dove sono arrivati, e cioè in Gucci, Bottega Veneta, Yves Sain Laurent e Puma, i transalpini hanno mantenuto l’occupazione e soprattutto investito. E’ cauto ma fiducioso sulle prospettive, Domenico Ronca della Cgil tessile provinciale: "Noi puntiamo ad un made in Italy sempre più forte. E Brioni ha tutto a posto per essere valorizzata dai nuovi proprietari, se le notizie di compravendita saranno confermate. Il gruppo può crescere e l’occupazione dovrà essere salvaguardata, ci aspettiamo naturalmente investimenti in tal senso. Anche il polo dell’Alta Moda esige un impegno serio”.

Prosegue intanto la cassa integrazione: ogni dipendente rinuncia a 100 euro al mese. E un piano di una ottantina di esuberi fra pensionamenti e mobilità incentivata è stato definito specie per i quattro stabilimenti vestini di Penne, Collecorvino, Civitella Casanova e Montebello di Bertona.

La rappresentanza sindacale unitaria (Leonardo D’Addazio della Cisl, Fabio Di Giuseppe della Cgil e Gilda Pavone della Uil) ha intanto chiesto un incontro alla direzione della Brioni per avere lumi sulla trattativa di cessione in corso. Il gruppo comunque è tornato in utile nel 2010 dopo un 2009 nerissimo. Segnali incoraggianti arrivano dal fatturato che ha segnato un più 10% l’anno scorso e sempre a due cifre quest’anno.

In Brioni la scelta di cedere sarebbe legata alle difficoltà di finanziare nuovi investimenti nel mercato del lusso, anche a causa di un debito di 88 milioni di euro con Bnp Paribas. Oltre a liquidare fra il 2006 ed il 2007 i soci ed amministratori storici Lucio Marcotullio e Umberto Angeloni (e la moglie), l’esposizione è cresciuta per aver versato agli azionisti, discendenti dei fondatori Nazareno Fonticoli e Gaetano Savini, un dividendo straordinario di 65 milioni di euro quando la società venne basata, per pochi mesi, nel paradiso fiscale del Lussemburgo.

Nessun risultato trovato.
Nessun risultato trovato.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This