Febbraio 23, 2020

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha

Articoli

Uno sguardo interessato. Il colosso capitolino Acea avrebbe puntato la Società Intercomunale Gas spa, quella a maggioranza pubblica poiché posseduta dagli enti locali di Penne, Loreto Aprutino e Collecorvino ai quali si aggiunge l'azionista privato di minoranza, la toscana Estra srl. La multiutility romana è appena entrata ufficialmente nel mercato del gas abruzzese, rilevando il 51% della società Pescara Distribuzione Gas srl.

Il cinema di Loreto Aprutino stracolmo come non mai per l’incontro pubblico voluto dal comitato civico “Difendiamo Loreto” capitanato da Antonella Di Tonno che, con chiarezza e fermezza, ha spiegato i motivi della indignazione dei cittadini e degli imprenditori contro l’ipotesi di costruire un ecomostro sui terreni di Castelluccio, a poco meno di 200 metri dalla vigna che nel 1968 inaugurò la prima bottiglia di Montepulciano doc.

Quando si parla di gestione e smaltimento di scarti di processi produttivi, di rifiuti e, soprattutto, dell'utilizzo di una frazione organica di questi per la produzione di energia elettrica o metano, aumentano i conflitti sociali, piuttosto aspri, tra le istituzioni che sostengono i progetti di imprese private, non legate ai territori, poiché arrivano da fuori regione senza nessuna conoscenza dei luoghi, e la comunità locale composta da residenti, agricoltori proprietari di terreni, antichi custodi di produzioni di pregio, e cittadini consapevoli.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - La Green Economy dai territori all’ambiente è stato il tema che ha guidato i lavori dell’ultimo  Congresso Regionale di Legacoop Abruzzo, con alcuni cenni sull’Economia circolare, una definizione sempre più utilizzata dopo l’Expo di Milano del 2015, riferita ad un nuovo modello di sostenibilità che tiene conto dei Limiti dello Sviluppo (Peccei 1974), delle fonti rinnovabili, della rigenerazione, dei prodotti di scarto (riuso dei rifiuti dove é possibile) ma anche un nuovo modello di comportamento individuale e sociale capace di rispettare davvero l’ambiente naturale e i territori straordinari dell’Abruzzo.

Il giorno 13 novembre 2019, si sono riuniti circa quaranta cittadini di Loreto Aprutino per costituire il Comitato “Difendiamo Loreto”. All’incontro erano presenti anche rappresentati di aziende e associazioni di categoria del territorio come di seguito: Azienda Agricola Valentini, Azienda Agricola De Fermo, Azienda Vinicola Talamonti, Torre Dei Beati, Chiara Ciavolich Agricola, Birrificio Almond’22, Codice Citra, Contesa Azienda Agricola, Tenuta De Melis, Azienda Agricola Del Proposto, Società Agricola I Lauri, Società Agricola Colle Corviano, Agriturismo Piccolo Albero, Azienda Agricola Di Mascio, Azienda Agricola Passeri, Azienda Agricola Cecalupo, Azienda Agricola Forcella, Cantina Ettore Galasso, LFA, Caseificio Santa Caterina, Frantoio Oleario Valentini e Cerretani, Marchesi De’ Cordano, Pollinaria, Gardera, Società Agricola Cecalupo, Agricarni Antonacci, Fattoria Due Pini, F.lli Pierdomenico, Ristorante Albergo La Bilancia, Fattoria Di Tullio, Agriturismo Le Magnolie, Cantina Iole Rabasco, Castello Chiola e Lauretum Hotels Spa, Ciarcelluti Renato, Presenti anche rappresentanti dell’ISDE - Medici per l’ambiente.

Nel settore informatico un hub è un dispositivo di rete che ha la funzione di accentratore, una sorta di nodo di smistamento dei dati che provengono da una rete di comunicazione.
La regione Abruzzo, sospesa tra essere l’ultima Regione del Nord e la prima del Sud, soffre di una narrazione che spesso diventa rappresentazione di un fatalismo al quale noi stessi crediamo. Il primo metodo per rovesciare stereotipi è quello di attingere ai dati, e i dati ci parlano di un Abruzzo che è, in realtà, un vero e proprio hub di eccellenze mal raccontate.

“Ogni opera che va ad incidere sul territorio deve essere compatibile con l’ambiente circostante e condivisa dai cittadini e dagli imprenditori”. Questa la posizione di Coldiretti Pescara in merito alla possibilità che venga realizzato un impianto per la produzione di biometano sul territorio di Loreto Aprutino, su cui al momento non si hanno informazioni certe riguardo la portata e le dimensioni dell’impianto, ma che sta suscitando l’allarme di cittadini e di numerose aziende agricole attive e prestigiose con sede nella zona vestina.

Come annunciato dal Starinieri, il 23 ottobre presso il convegno organizzato al castello Chiola, dalla CIA (Confederazione Italiana Agricoltori), e ribadito in un incontro il 31, alla presenza di poco più di 12 persone, sul territorio è in progetto la realizzazione, da parte della società Make Energy, di un impianto per la produzione del biometano.

Lo scorso venerdì 8 novembre 2019 a Casalvecchio di Puglia (FG) è stata messa una prima pietra, ufficiale quindi significativa, per avviare un protocollo d’intesa per la promozione dell’identità e della cultura arbereshe tra 9 comuni dell’Italia peninsulare (Casalvecchio di Puglia, San Marzano di Puglia e Chieuti per la Puglia, Campomarino, Ururi, Montecilfone e Portocannone per il Molise, Greci per la Campania e Villa Badessa di Rosciano per l’Abruzzo), al cospetto del Presidente della Repubblica di Albania, Ilir Meta, in visita in terra pugliese.

Se ne è andato Gianluca Tarquinio e piange non solo la sua amata Marsica ma l’Abruzzo intero. Ci aveva messo in contatto con lui l’amico Francesco Zimei perché Gianluca aveva collaborato con  Franco Farias,  giornalista di Loreto Aprutino, nella ricostruzione della  storia delle bande musicali in Abruzzo e della figura di Otello Farias, nonno di Franco, celebre bandista degli anni 30.

PENNE - Nuove scosse in casa Brioni. Jerome Macario, 45enne responsabile finanziario ed amministrativo del gruppo, lascia l'alta sartoria vestina. Monsieur Pinault, il magnate che presiede Kering, la holding di diritto olandese che controlla Brioni dal 2012, lo ha subito sostituito con Cyril Buzut, un suo consulente.

Nasce dall’Associazione Abruzzo4MED l’idea di costruire un circuito di laboratori che possano offrire ospitalità ai giovani talenti che vivono nei nostri piccoli centri.
Abruzzo4med, l’organizzazione di imprese che da oltre dieci anni si occupa di internazionalizzazione, servizi innovativi alle imprese, consulenza strategica e titolare del marchio FORUMED, ha deciso, costituendo un apposito gruppo di lavoro, di dedicare una parte della propria attività allo start-up di impresa innovativa puntando sul capitale umano presente nei piccoli comuni.