Novembre 16, 2019

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha

Politica

PENNE - Cinque aspiranti sindaci, dunque. Come anticipato da questo notiziario, Vincenzo Ferrante si è alleato con Giovanni Severo che ha dunque rinunciato a presentarsi a capo di un suo schieramento. Sono in corso le operazioni di raccolta delle firme a sostegno delle candidature. Entro domani alle 12 la presentazione al Comune, poi entrerà in azione la commissione elettorale, guidata da una funzionaria della prefettura, che valuterà la regolarità formale dei documenti presentati. E allora correranno, salvo sorprese dell'ultimo minuto, per la carica di sindaco di Penne nelle elezioni del 15 e 16 maggio prossimi: Rocco D'Alfonso, Luigi Bianchini, Vincenzo Ferrante, Matteo Tresca e Marino Marini.

Sinistra ecologia e libertà esprime profonda preoccupazione per l'atteggiamento arrogante ed irresponsabile della dirigenza cittadina del Partito democratico. L'unico risultato ottenuto dal PD con l'imposizione della candidatura di Rocco D'Alfonso, che SEL non subirà passivamente, è stato quello di frantumare la coalizione già esistente. Sembra che si preparino a perdere. E' vergognoso il protrarsi di una situazione di stallo che ha impedito, di fatto, al centrosinistra pennese di presentarsi ai cittadini con una proposta politica e programmatica chiara e condivisa.

Ormai con la valigia dietro la porta (il suo incarico di responsabile esterno dell’urbanistica pennese scade a giorni contestualmente cioè al mandato del sindaco Di Marcoberardino che l’ha nominato dapprima su designazione dell’allora assessore socialista all’urbanistica Alberto Giancaterino, poi confermandolo per vicinanza politica: entrambi del Pd), l’architetto Antonio Mergiotti al Tar di Pescara ha sconfitto, il 18 novembre scorso, il Comune di Collecorvino, paese dove risiede.

LORETO APRUTINO - Moreno Sablone, vice sindaco di Loreto, ha rimesso la querela per diffamazione a mezzo stampa presentata contro il direttore del periodico Lacerba Berardo Lupacchini ed il suo editore, Gianluca Buccella. Sablone se l'era presa con alcuni articoli pubblicati sulla rivista nel corso del 2008 a firma di Jacques de Molay. La remissione di querela non era stata concordata fra le parti in causa. Sablone, insomma, ha deciso di sua spontanea volontà l'abbandono dell'accusa, forse perchè dopo due anni il Pm Del Bono non aveva trovato riscontro alle accuse di diffamazione.

PENNE - Nello scontro al tribunale amministrativo l’immobiliare Pierdomenico ha la meglio sul Comune. Per l’ente non valeva più, poiché scaduto, quel permesso di costruire rilasciato alla ditta l’8 febbraio 2008, il cui inizio lavori era previsto per il 18 marzo. Oggetto: le modifiche interne ed il completamento dei lavori delle abitazioni al terzo piano ed alla mansarda del palazzo, a San Francesco, dove c’è “Acqua & Sapone”.

Loris Di Giovanni

È un avvocato di Pianella il nuovo coordinatore provinciale del Partito Repubblicano. Il Responsabile Regionale del PRI Nicola Di Federico ha conferito all’Avv. Loris Di Giovanni di Pianella l’incarico di coordinatore del Partito Repubblicano per la provincia di Pescara. Trentanove anni, presidente dell’Associazione per l’Archivio di Stato di Pescara e studioso del risorgimento, Di Giovanni avrà il compito di riorganizzare il partito dell’edera nei comuni della provincia pescarese, undici dei quali interessati dalle prossime elezioni di primavera. La nomina è maturata al quarantaseiesimo congresso nazionale che ha sancito la riunificazione del PRI di Francesco Nucara con l’MRE di Luciana Sbarbati, ponendo fine con una mozione unitaria che ha avuto l’85% dei voti congressuali alla diaspora che, dal congresso di Bari del lontano 2001, aveva provocato la scissione di repubblicani.

PENNE - Non ci sarà la lista con Giovanni Severo candidato a sindaco. Il commericialista pennese si è di fatto accordato con Vincenzo Ferrante che guiderà uno schieramento civico che contende alle liste del Pd, a Penne Nuova ed alle sinistre il successo elettorale. Ore, le ultime, frenetiche dunque, prima del gong di sabato 16 aprile alle 12 quando cioè scadrà il termine per la presentazione delle candidature. Salvo sorprese dell'ultimo momento, dunque, si dovrebbero presentare all'esame degli elettori pennesi: Rocco D'Alfonso, Luigi Bianchini, Matteo Tresca, Vincenzo Ferrante e Marino Marini, quest'ultimo sindaco uscente di Picciano.

Si è svolto sabato 5 marzo a Penne un incontro tra la delegazione di Sinistra Ecologia e Libertà, guidata da Matteo Tresca, ed il PD rappresentato dal segretario del circolo e dal candidato sindaco Rocco D'Alfonso. Il Partito Democratico ha comunicato formalmente l'investitura di D'Alfonso ed ha chiesto a SEL il sostegno a tale candidatura come condizione imprescindibile per l'accordo elettorale in vista delle prossime elezioni amministrative del 15 e 16 maggio.

PENNE - La notizia è che Luigi Bianchini detto Gino è il candidato sindaco della lista civica "Penne nuova" al cui interno confluiscono tre esponenti del Pdl che dunque rinuncia alla propria lista che vedeva Gilberto Petrucci aspirante sindaco. Il giornalista sarà nella formazione di Bianchini. Ricapitoliamo. Rocco D'Alfonso è il candidato sindaco del Pd, Matteo Tresca di uno schieramento delle sinistre, Vincenzo Ferrante con una sua lista civica, salvo ripensamenti, e Giovanni Severo, il quale aveva deciso di scendere in campo. Poi ci sarebbe l'uscente sindaco di Picciano, Marino Marini. Sabato alle 12 scadrà il termine perentorio per presentare le firme a sostegno delle liste. Si voterà il 15 ed il 16 maggio.

PENNE - Rocco D'Alfonso è, per i democratici, sempre più l'aspirante sindaco ideale. Nel partito democratico il gruppo che lo sostiene la sta spuntando su quello che sponsorizza Ennio Napoletano, attuale assessore all'urbanistica. E sul nome del 46enne docente universitario a Pavia, il Pd chiede la fiducia a tutte le altre forze della coalizione di centro sinistra in vista del voto per il sindaco del 15 e 16 maggio. Sinistra ecologia e libertà invece insiste per le primarie di coalizione, essenziali per stringere future alleanze. Tempi stretti per decidere, dunque, gli incontri sono in corso. 

PENNE - A pochi giorni dalla scadenza perentoria di sabato, quando bisognerà presentare le liste, i giochi per le candidature a sindaco sono ancora in corso. Gira l'ipotesi di una lista capitanata da Ferrante in cui convergerebbero Giovanni Severo e Luigi Bianchini che dunque eviterebbero di correre in proprio come annunciato da tempo.

PENNE - Rebus primarie per il partito democratico chiamato a decidere nelle prossime ore se volerle ed organizzarle o meno per la scelta del candidato sindaco della coalizione di centro sinistra. Nella riunione pescarese di oggi è sostanzialmente emersa questa unica notizia. Le posizioni dei partiti sono rimaste quelle di partenza. Adesso però i potenziali alleati del Pd gli chiedono una decisione. Il tempo stringe: si vota il 15 maggio per il nuovo sindaco.

Sinistra Ecologia e Libertà, Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani, Giovani del Movimento per le Autonomie, insieme a tante donne e uomini, esponenti di associazioni e movimenti, promuovono una lista civica a sostegno della candidatura a Sindaco di Penne di Matteo Tresca: PenneSì.

PENNE - Il centro sinistra è fin troppo diviso sulla scelta di chi candidare a sindaco ed allora martedì 1 marzo alle 15, nella sede del partito democratico, convergeranno le delegazioni pennesi del Pd, di Sinistra ecologia e libertà, dell'Italia dei Valori e della Federazione della Sinistra. Lo scopo è quello di tentare di sbloccare l'empasse. Le posizioni sono note. Il Pd pennese, dopo aver indotto ad un passo indietro e dunque a non cercare il bis l'attuale sindaco Di Marcoberardino, intende esprimere una propria candidatura (Rocco D'Alfonso ed Ennio Napoletano i nomi che circolano maggiormente) alla carica di primo cittadino per il voto del 15 e 16 maggio prossimi. La Sinistra di Vendola preme per le primarie e comunque vuole un coinvolgimento, diverso dal passato, con tutte le altre forze del centro sinistra. Italia dei Valori ha già detto no a un aspirante sindaco dei democratici.

Il Consiglio Comunale di Penne si riunirà per la prima volta in trasferta venerdì prossimo 25 marzo alle ore 10:30 presso l'aula consiliare della Provincia di Pescara, per discutere le problematiche inerenti l'ospedale San Massimo ed affrontare i problemi della sanità nell'area vestina. Alla seduta aperta sono stati invitati a partecipare il presidente della Regione Abruzzo Gianni Chiodi, la sub-commissaria per la sanità Giovanna Baraldi, la presidente della V commissione regionale sanità e politiche sociali dott.ssa Nicoletta Verì, il presidente della commissione sul SSN presso il Senato della Repubblica dott. Ignazio Marino, i diversi capigruppo del Consiglio Regionale abruzzese, le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative del territorio ed i vertici della Asl pescarese, in particolare il direttore generale Claudio D'Amario, il direttore sanitario Ferdinando Guarino ed il direttore amministrativo Domenico Carano.

Comunicato stampa di Giovanni Severo

Ho deciso in vista delle prossime elezioni comunali a Penne di assumere l’iniziativa di varare una lista civica attorno alla quale raccogliere il contributo piu’ ampio e migliore possibile, al di la’ delle sensibilita’ politiche di ciascuno. La fase storica e amministrativa di Penne,richiede uno spirito e un’azione straordinari per la rinascita della citta’.

Il 23 dicembre 2002 i comuni di Penne, Loreto Aprutino e Collecorvino hanno costituito la S.I.G. S.p.a. - Società Intercomunale del Gas - per la gestione del servizio pubblico di distribuzione del gas naturale. A fine 2003, a seguito di una procedura per la vendita del 45% delle quote azionarie, sono entrate in società sei imprese marchigiane delle province di Ancona e Macerata: Multisrvizi, Cis, Assm, Assem, Apm e Atac.

PENNE - Deserto il consiglio comunale del 10 marzo: se ne riparlerà sabato 12 marzo alle 10 per la seconda convocazione. Alle 17 di ieri, giovedì, presenti erano soltanto Tresca, Pasqualone, D'Angelo, Frisa, il sindaco, Cutilli, Bifari e Ferrante. La discussione su alcuni casi urbanistci è dunque rimandata a sabato mattina. E' l'ennesima prova di come la consiliatura vada a concludersi malamente per la maggioranza. Intanto, altro consiglio comunale in vista: appuntamento al 14 marzo. Si discuterà l'acquisizione al patrimonio comunale del convento di Colleromano.

PENNE - 250 mila euro di spesa per un piano di manutenzione straordinaria di diverse strade comunali. L'ha lanciato, a ridosso del voto per il nuovo sindaco (urne aperte il 15 ed il 16 maggio prossimi), la giunta Di Marcoberardino su proposta dell'assessore ai lavori pubblici Gabriele Pasqualone. I fondi arrivano da un mutuo contratto il 30 dicembre 2010 con la banca di Credito Cooperativo di Castiglione e Pianella. Gli interventi, sui progetti predisposti dall'ufficio tecnico, sono stati così individuati: Trofigno (17.452 euro), Pagliari-Colle Trotta (24.472 euro), Baricelle-Villa Degna (73.921 euro), Domera (famiglia D'Annunzio) 13.935 euro, Carpineto (3.978 euro), Carmine (28.235 euro), via Verrotti (20.799 euro), Santo Spirito (27.355 euro), Villa Degna (fam.Cretarola) 10.197 euro.