PENNE – Il capogruppo di Alleanza Civica Penne, Remo Evangelista, interviene, attaccando duramente i partiti politici di centrodestra e sinsitra, in particolare Forza Italia, Sel e al gruppo dei socialisti.

“In riferimento all'articolo comparso su questo sito il 12 febbraio c.a. a firma del direttore, mi corre l'obbligo fare chiarezza. E' evidente che la presenza del Gruppo Alleanza Civica Penne sulla scena politica locale genera entusiasmo da una parte ed irritazione ad altri. 1) Alleanza Civica Penne è un movimento che non fa capo né alla sinistra né alla destra in quanto ritiene che il Patto del Nazzareno, tutt'ora vigente, genera consociativismo in quanto entrambi vogliono le stesse cose (vedi Ospedale S. Massimo di Penne); 2. Alleanza Civica Penne non è il Partito di Ferrante bensì un gruppo consiliare a cui ha aderito anche il Consigliere Vincenzo Ferrante; 3. i sistemati politici e quelli che devono pagare cambiali politiche ai potenti di turno (di destra o di sinistra) per assunzioni o trasferimenti da noi non sono i benvenuti; 4. il programma elettorale realistico vogliamo redigerlo e condividerlo insieme a tutti quelli che vogliono creare un'alternativa di governo nella nostra Città; 5. il candidato Sindaco sarà scelto insieme a tutta la squadra che andrà a formarsi e con le modalità che la squadra stessa deciderà di adottare. Caro Direttore, non sappiamo da dove attinge le indiscrezioni che poi, puntualmente pubblica. Sarebbe opportuno però, per chiarezza, che lei facesse i nomi di coloro, qualora ci fossero, che dal nostro gruppo le fornisce tali notizie. Siccome siamo certi che non dispone né dei nomi né delle notizie da parte nostra, sarebbe opportuno che facesse una salutare smentita. Le posso assicurare che il nostro gruppo parla con una sola lingua e soprattutto condivisa. A marzo convocheremo una seconda assemblea pubblica, questa volta senza moderatore, ed in quella occasione spiegheremo ai cittadini lo stato delle cose e le prospettive per il futuro in termini definitivi. Intravediamo nel nostro lavoro un futuro migliore per la nostra città non piu’ legato a lobby di potere ma a una coalizione puramente civica che guarda solo ed esclusivamente agli interessi del paese. Siamo in grado di rassicurare lei e tutti quelli che seminano zizzania che il gruppo è coeso, forte ed in continua crescita. Gli unici che forse l'hanno capito sono quelli del PD, gli altri, nonostante la lezione del 2011, fanno ancora finta di non capire: peggio per loro”. Il riferimento è evidentemente a Sel e Regione Facile, allontanati dal partito democratico dopo le ultime trattive di qualche giorno fa.