Due poesie di Antonio Teodorico per non dimenticare

I VIVI...I MORTI.

L'inverso capire tragico,
sul grumo che frange
acumina lo squarcio,
gelando il candore
nel ghigno crudele
di ansiogeni rabbui.
Mani che non si placano
sviscerano il desiderio
al sopraggiungere breve
dei flebili suoni umani,
invocando aiuti ghiacciati,
trepidano voci per eludere
il bianco freddo assassino.
Friabile tempo sfibrante
e ira sui nostri abbagli,
stratificano i lembi sottili
dei caldi sollievi respinti.
Il proseguire degli affanni
tronca le illusioni cercate,
e dalle aperture ristrette
vengono fuori corpi inermi
con poche luci di vite liberate.
Come nei percorsi illimitati
sulle tracce di ognuno di noi,
guardiamo attoniti sgomenti,
decifrando il futuro latente,
mentre passano, i vivi...i morti.



N'ci sta cchjiè!

La nateure sa n'capunete bbreutte
mi sa'rpijaete nghj l'inderesse creude
lu quarte dauce bbelle di la ggiuvintè.
'Na valanghe ssillamaete di nivijre
e lu trittichijà careufe di lu terremote,
ha 'rcazaete 'na trindene di pirsaune
chj ha pahaete lu prezze cchijù aete
a 'cca jurne n'po di 'lligreje sculviraete.
Chj l'alberghe di hudeurje risirvaete,
alli timbe di na vote ere lu puste
pj' lu preme bbicchjire di vene.
Tra ggieugne e la fene d'ahuste,
da Piscaere a Cambe Mbirataure
li autobbus comode di Ambrusene
accumbagnoje lu cande e li risaete,
di fameje e ggende sirone vulijause
pj' l'arje prufumaete di Rihupjaene.
A vidò chj lu cimideurje di dulaure
gni la faccje senza pjagne maroje,
sende la manganze dondre a lu core
di teutte quolle chj tande mi pjacjoje.
La mirrecene di sulenzje sanguinause
di chj li puvirille angaure suttirraete
ha ndra' squajaete na leure di spiranze
da 'rtruvà mbresse veve saene e salve
li cchjiù caere chj mmece nna'rfjaete.
Naune, l'aneme cafullaete mi dece,
dapù nu strelle zzaccunaete furte
n'ci sta ninde da fa', n'ci sta cchjiè!