Lo scorso venerdì 8 novembre 2019 a Casalvecchio di Puglia (FG) è stata messa una prima pietra, ufficiale quindi significativa, per avviare un protocollo d’intesa per la promozione dell’identità e della cultura arbereshe tra 9 comuni dell’Italia peninsulare (Casalvecchio di Puglia, San Marzano di Puglia e Chieuti per la Puglia, Campomarino, Ururi, Montecilfone e Portocannone per il Molise, Greci per la Campania e Villa Badessa di Rosciano per l’Abruzzo), al cospetto del Presidente della Repubblica di Albania, Ilir Meta, in visita in terra pugliese.

Una giornata di fondamentale importanza per Rosciano, in particolare per la nostra comunità di Villa Badessa, grazie alla sottoscrizione di un protocollo d'intesa fra i sindaci di alcune comunità sorelle di Abruzzo, Molise, Puglia e Campania per la promozione e lo sviluppo dell'identità e della cultura arbereshe- ha dichiarato Simone Palozzo, sindaco di Rosciano, comune del quale fa parte Villa Badessa, l’unica comunità arbereshe abruzzese- “Una straordinaria rete tra le comunità di origine albanesi permetterà confronti e iniziative comuni per la difesa e la valorizzazione della cultura arbereshe, fatta di iniziative ed eventi utili per una qualificata ed originale offerta culturale, destinata anche ad un richiamo turistico per il nostro comune. La storica firma sarà anche da stimolo ulteriore per l’amministrazione comunale ad attivarsi affinché Villa Badessa, come è stato ribadito anche al presidente albanese Meta, benefici di una legge di riconoscimento e di tutela come minoranza etnico-linguistica.”

Ospite e testimone illustre il presidente albanese Meta che ha “benedetto” questa nuova fase di conoscenza e collaborazione tra i comuni arbereshe presenti a Casalvecchio di Puglia manifestando vivo apprezzamento: “Siamo molto riconoscenti alle comunità che hanno saputo preservare la propria identità, la propria lingua e tradizioni” – ha detto Meta – “E anche al popolo italiano che ha saputo dimostrare senso di cooperazione nei secoli, anche come patrimonio per l’Italia e l’Europa. Siamo sicuri inoltre che anche i nostri sindaci saranno promotori del consolidamento dei rapporti Albania-Italia”.