COLLECORVINO – I Di Zio solo alleati del centro sinistra?Il macchè pronunciato con un sorrisetto un anno esatto fa da Franco Gerardini, dirigente del servizio rifiuti della Regione, ex sindaco di sinistra di Giulianova, fece capire al cronista più di ogni altra cosa. E cioè ad esempio che riaprire con un mega intervento la discarica De Meis a Caparrone, con la scusa di bonificarla, era un'operazione ben vista se non incoraggiata dal centro destra. La partita è tuttora in corso. A L'Aquila è depositato il dossier sulla valutazione d'impatto ambientale per il nuovo progetto della Deco spa protocollato il 13 agosto scorso.

 

E' mitigato rispetto a quello ritirato a gennaio, ma quanto basta per mettere in fibrillazione Collecorvino i cui abitanti stanno raccogliendo le firme per dire no. "Abbiamo ragione di ritenere che quasi tutto il paese firmi contro la discarica", spiega Umberto Freres, presidente dell'associazione RipaMare. Entro ottobre ci saranno le osservazioni dei cittadini. Intanto, Freres è stato a L'Aquila per vedere il progetto dopo che al Comune commissariato dalla prefettura gli avevano risposto che della pratica non c'è traccia negli uffici. E qualcosa di strano già emergerebbe. L'arresto di Rodolfo Di Zio e la storia di un'altra cricca che, secondo i magistrati pescaresi, ci sarebbe sui rifiuti e di cui si parla da tanti anni comunque illuminano la vicenda Caparrone di una luce diversa.

 

Pin It on Pinterest

Share This