Non tarda la replica dell’amministrazione comunale di Pianella al consigliere Filippone, che in una nota ha parlato di degrado nell’area scolastica di Via Villa de Felici, che arriva dall’assessore all’istruzione ed al sociale Sabrina Di Clemente: “Parafrasando un frase del pittore Egon Schiele, potremmo dire in questo caso che il degrado è negli occhi di chi guarda, esordisce l’assessore, poiché se per degrado si intende qualche sanpietrino fuori posto, allora vuol dire che il lavoro dell’amministrazione è sicuramente ben fatto.”

“Giova evidentemente rammentare che quell’area era ridotta a discarica a cielo aperto e, con la chiusura notturna, si creava una sorta di “zona franca” nella quale, dopo aver aggirato le recinzioni, si svolgevano attività legate alla tossicodipendenza e, spesso, avvenivano effrazioni e danneggiamenti all’interno delle sedi scolastiche. Invece, l’aver attivato un impianto di videosorveglianza e riqualificato l’area grazie alle scuole ristrutturate e alle panchine ripristinate, unitamente all’attività di spazzamento quotidiano ed alla realizzazione di una nuova area giochi didattici nello spazio antistante la scuola dell’infanzia recentemente ristrutturata, ha creato un effetto positivo e recuperato quello spazio pubblico nel cuore della città a beneficio di tutte le fasce sociali.”

“Specie nelle ore serali, infatti, l’area diventa meta della gioventù locale che, rispetto a quanto avveniva negli anni passati, non genera alcun tipo di problematica di ordine pubblico, poiché non si registrano più denunce alle autorità di attività illecite o episodi di vandalismo. Ora, comprendiamo che la distanza anagrafica dai giovani, renda difficile per Filippone comprendere le loro esigenze, il bisogno di spazi di socializzazione, di opportunità di confronto che, ovviamente, qualora dovessero degenerare in pratiche illecite, possono essere agevolmente represse dalla attigua caserma dei carabinieri grazie all’accesso veicolare immediato e che oggi può avvalersi anche del sistema di videosorveglianza realizzato.”

“Certo, conclude l’assessore Di Clemente, come si è più volte tentato, evidentemente inutilmente, di spiegare al consigliere Filippone, molto più dedito all’attività fotografica che a quella amministrativa, esistono complesse procedure politiche ed amministrative per il convogliamento di finanziamenti ingenti per il territorio, ed è proprio grazie a queste capacità messe in campo che ci sono ulteriori interventi da realizzare nell’area poichè l’amministrazione è beneficiaria di ben due finanziamenti, uno da 1,4 mln di euro per la scuola primaria ed uno di 700.000 per la palestra della stessa scuola e, pertanto, sarebbero inopportune oggi opere costose di manutenzione straordinaria destinate ad essere rimosse una volta avviati, compatibilmente con le tempistiche dettate dalle esigenze scolastiche, i due cantieri, che prevedono ingombri di aree ed anche alcune demolizioni”.

Pin It on Pinterest

Share This