«Siamo amareggiati e stupiti dalla scelta irragionevole del Governo nazionale di escludere dal decreto rilancio i Comuni che sono stati dichiarati zona rossa per un periodo inferiore a 30 giorni consecutivi». Lo ha detto il sindaco Mario Semproni commentando il contenuto del Decreto Rilancio, pubblicato ieri in Gazzetta ufficiale. Sei Comuni abruzzesi sono stati esclusi pertanto dal ristoro. «I Comuni italiani dichiarati zona rossa durante la fase più acuta dell’epidemia, devono ricevere attenzione da parte dello Stato. Cinque Comuni dell’Area Vestina saranno esclusi dal provvedimento per soli 4 giorni e, in particolare, il mio ente, quello più grande, che ha dovuto assistere per 26 giorni consecutivi una popolazione di 12mila abitanti senza avere il supporto di Regione e Governo. Si tratta di una disattenzione politica grave. Domani – ha aggiunto Semproni – invierò una lettera al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte per segnalare l’incongruenza e chiederò al Governo di emendare il testo durante l’iter di conversione in legge. Con un’altra nota – conclude il sindaco di Penne – chiederò anche un incontro anche al presidente Marco Marsilio, dove parteciperanno i sindaci delle zone rosse abruzzesi, per concordare un sostegno e soprattutto ottenere certezze per il nostro futuro».

Pin It on Pinterest

Share This