Tocco da Casauria – mercoledì 4 marzo alle ore 16.00 appuntamento culturale presso il Teatro Michetti.  Alessandro Morelli, scrittore, studioso del fenomeno bandistico  parlerà della “Storia delle famose bande musicali abruzzesi dell’Ottocento”. L’evento, che fa parte del ciclo delle lezioni della Terza Età sede distaccata di Tocco da Casauria per l’anno 2019/2020, in collaborazione con Il Circolo Pensionati “Luigi Menna” presieduto dal dott. Franco Cultrera.

“La storia locale conduce spesso ad aperture ad ampio raggio: è questa la bellezza del viaggio nella ricerca sulle bande musicali”. Il fenomeno bandistico spesso trascurato dalle indagini storico-musicologiche,  negli ultimi decenni è oggetto di un rinnovato interesse di studio da parte dei ricercatori. La banda assunse varie funzioni nel corso dell’Ottocento: militare, religiosa, civile, ricreativa ed educativa per i giovani.

Nel Teramano raggiunsero grande popolarità le bande di Alanno (1809),  Bellante Bisenti, Atri, Città S. Angelo, Loreto Aprutino, Penne, Pianella, Silvi, Spoltore (nata nel 1808 e chiamata “La Centenaria”) e Teramo.

La banda di Spoltore  si recò in una tournée in Puglia negli anni ’30 dell’Ottocento. Nell’Aquilano erano molto famose le bande di Celano, Introdacqua, Pacentro, Pescina, Popoli, Pratola Peligna e Sulmona. Tra le bande chietine ricordiamo quelle di Bomba (1848), Casalanguida, Chieti, Francavilla al Mare, Gessopalena, Lanciano, Orsogna, Pollutri, Pretoro, Atessa.

La banda di Lanciano sul finire dell’Ottocento svolse una grande tournée in Europa, ricordata da Modesto della Porta. La banda di Pescina  nacque nel 1801, nello stesso anno di quella di Città S. Angelo.  Ad Introdacqua era presente un corpo musicale già sul finire del XVIII secolo. Tantissimi i Comuni abruzzesi che avevano una banda musicale tra l’Otto ed il Novecento.  Poche realtà potevano vantare un teatro.

Importante fu il ruolo delle bande nel periodo risorgimentale. Un personaggio ottocentesco da ricordare è Crisanto del Cioppo (Busso1830 – Firenze 1915), diplomato a Napoli al Conservatorio San Pietro a Maiella, Maestro della banda di Bomba e Casalanguida famoso per i “passi doppi”, noto personaggio antiborbonico, il primo a ridurre per banda ed a far suonare in Abruzzo La Marsigliese e L’Inno di Garibaldi.

Luigi Marchetti di Gessopalena, suo allievo, fu chiamato a Pianella per dare vita inizialmente ad una scuola di musica, che aveva sede nei locali dell’ex Convento dei Domenicani.  Nel repertorio introdusse i passi doppi, compose e trascrisse musiche famose e inserì largamente brani ballabili per le più disparate occasioni; diresse la banda fino alla fine dell’ Ottocento portandola verso successi inimmaginabili in Italia ed all’estero.

 Adolphe Sax (1814-1894) fu l’inventore del sassofono, strumento che inventò e presentò a Parigi soltanto nel 1846; inizialmente adottato dalle bande militari, arrivò all’attenzione dei tanti Maestri di banda che subito ne colsero le potenzialità e l’espressività. Le bande musicali hanno allargato gli orizzonti di molti paesi dell’entroterra fino a varcare i confini nazionali con belle tournée all’estero.

 Il mecenatismo, l’ intraprendenza e la lungimiranza di nobili e borghesi con  il fondamentale aiuto e la passione degli artigiani  hanno permesso di costruire e sviluppare  coesione sociale per  un rinovato  senso civico. Guido Piovene nel suo libro Viaggio in Italia affermò che era facile incontrare nei paesi dell’Abruzzo ragazzi che sapevano leggere correttamente uno spartito.

“Durante l’incontro – afferma il relatore – saranno ripercorse brevemente alcune tappe della banda di Tocco da Casauria di antica origine. Il padre di Francesco Paolo Michetti, Crispino (n. 1823) fu  Maestro della banda e suonatore di clarino, compose la musica per le Tre Ore di Agonia ed un Miserere che Francesco Filomusi Guelfi (n. 21 novembre 1842 – 28 ottobre 1922) definì come ancora tradizionale in Tocco nel 1908;  successivamente diresse il concerto di Francavilla al Mare (1849-1851). A Tocco da Casauria altri valenti maestri hanno diretto la banda locale: Vincenzo Colasante di Serramonacesca, Pilade  Michetti che lasciò la direzione nel 1885 per passare alla banda di Casalanguida, Luigi Stromei educato al collegio S. Pietro a Maiella ed amico del Maestro Vessella. L’ultimo  direttore il Maestro Roberto De Innocentiis compose diverse ballabili  ed eseguite anche dai famosi Diavoli Rossi di Pianella”.

Pin It on Pinterest

Share This