L’Aquila – "Per rilanciare il settore turistico occorre una visione strategica che porti a superare i localismi e a valorizzare peculiarità e risorse che troppo spesso non vengono apprezzate nella giusta misura".

 

Lo ha detto il Presidente del Consiglio dell’Abruzzo, Nazario Pagano, che ieri pomeriggio, a Penne (Pescara), è intervenuto al convegno: "Sistema Turistico Locale del Gran Sasso d’Italia: il ruolo strategico del turismo per lo sviluppo economico e occupazionale del territorio". L’iniziativa si è tenuta nella sala consiliare del Comune di Penne.

 

"Oggi – ha aggiunto Pagano – i sistemi turistici locali possono calarsi all’interno di questo progetto generale nella misura in cui riescano a integrarsi e a lavorare in maniera coordinata, determinando nuove occasioni di sviluppo e soprattutto per favorire ed attuare il così detto "marketing territoriale". La scelta di costituire il Stl del Gran Sasso – conclude Pagano – è stata positiva e fondamentale per esaltare le eccellenze presenti in questa fetta del nostro Abruzzo".

Il convegno ha fornito un quadro aggiornato sul progetto di sviluppo turistico che interessa 22 Comuni di tre province e decine di operatori turistici locali. I Comuni coinvolti sono Arsita (Te), Brittoli (Pe), Calascio (Aq), Capestrano (Aq), Carpineto della Nora (Pe), Castel del Monte (Aq), Castelli (Te), Castelvecchio Calvisio (Aq), Castiglione a Casauria (Pe), Civitella Casanova (Pe), Corvara (Pe), Farindola (Pe), Isola del Gran Sasso d’Italia (Te), Loreto Aprutino (Pe), Montebello di Bertona (Pe), Ofena (Aq), Penne (Pe), Pescosansonesco (Pe), Pietranico (Pe), Santo Stefano di Sessiano (Aq), Villa Celiera (Pe), Villa Santa Lucia degli Abruzzi (Aq).

Pin It on Pinterest

Share This