E’ scaricabile dal sito del Comune di Pianella la modulistica per effettuare l’iscrizione al servizio di trasporto scolastico per l’anno 2020-2021, la cui scadenza è fissata al prossimo 4 settembre.
Le varie criticità sono state affrontate nel corso della riunione dedicata alla quale hanno preso parte la società che gestisce alcune linee del trasporto, la Responsabile del servizio, il dirigente scolastico, il sindaco, il vice sindaco e l’assessore all’istruzione, oltre al personale degli enti preposto al servizio.

“Abbiamo preso atto– spiega il Sindaco Sandro Marinelli – della decisione della dirigenza scolastica di non scaglionare gli orari di ingresso, ma di sfruttare le plurime possibilità di accesso per evitare comunque il rischio di assembramenti; questa decisione ci pone dinanzi ad uno sforzo organizzativo maggiore poiché dobbiamo cercare di trasportare contemporaneamente ed in sicurezza tutti gli alunni che hanno bisogno del servizio.
Abbiamo, pertanto, la necessità di avere il quadro completo dei numeri da gestire nel più breve tempo possibile, per cui chiediamo alle famiglie che hanno necessità di usufruire del servizio di trasporto di compilare il modulo di iscrizione e rimetterlo anche via mail nel più breve tempo possibile”.

L’assessore all’istruzione Sabrina Di Clemente, si sofferma sui criteri di priorità: “Una volta avuto il quadro completo delle iscrizioni, potremmo pianificare al meglio i percorsi; ovviamente, in questa fase emergenziale, dovremmo razionalizzare il più possibile i tempi di percorrenza e sarà necessario istituire dei punti di raccolta. Ci auguriamo di poter soddisfare tutte le richieste, ma nell’ipotesi in cui non dovesse essere possibile accogliere tutte le domande abbiamo individuato dei criteri oggettivi di proprietà legati alla condizione lavorativa dei genitori ed alla distanza dalla scuola.”
Per il settimo anno consecutivo, conclude il primo cittadino, abbiamo lasciato invariate le tariffe degli scuolabus, anche se l’aggravio dei costi di esercizio derivanti dalle norme covid, in assenza di un intervento integrativo del governo, mette a rischio gli equilibri finanziari per il mantenimento del servizio.”

Pin It on Pinterest

Share This