Il progetto di riqualificazione urbana presentato dall’amministrazione comunale nella prima edizione del bando regionale a valere sulla Legge 40/2017, redatto dal Responsabile dell’area gestione del territorio architetto Domenico Fineo, venne premiato dalla commissione regionale con il primo posto nella graduatoria di merito per la capacità di coniugare gli aspetti architettonici del recupero e della valorizzazione del centro storico con iniziative sociali  legate alla sostenibilità quali gli orti urbani.

Grazie al finanziamento di 100 mila euro, ottenuto l’amministrazione comunale ha provveduto ad aggiudicare i lavori alla ditta Giancaterino Costruzioni di Penne, che ha avviato il cantiere nei giorni scorsi con riconsegna per l’inizio della stagione estiva.

“ Ancora un cantiere – spiega il sindaco Sandro Marinelli – che trasforma in azioni concrete l’ambizioso programma di riqualificazione del centro storico che ci siamo dati come obiettivo fondamentale del mandato amministrativo, nella convinzione di favorire interventi capaci di coniugare tutela delle bellezze architettoniche con la qualità della vita auspicando, come sta avvenendo, il progressivo incremento dentro il perimetro delle mura storiche sia di residenti che di attività legate al commercio ed ai servizi.”

“ Nello specifico – aggiunge il primo cittadino –  si trattava di colmare un vuoto urbano creato dalla demolizione dell’ex frantoio De Felici-Curato, la cui area di sedime venne anni orsono ceduta all’amministrazione comunale nell’ambito di un accordo di programma con una impresa privata e l’idea progettuale, condivisa con la Soprintendenza per i beni architettonici e culturali, che ha espresso il proprio parere favorevole, prevede la ricostruzione della facciata originaria dell’antico frantoio, alle spalle del quale troverà accoglienza un terrazzamento per ospitare orti urbani a disposizione dei residenti. La struttura, tuttavia, è in grado di ospitare anche mostre, esposizioni o anche piccoli spettacoli musicali o teatrali, offrendo ulteriori spazi in centro storico alle numerose associazioni locali che si occupano di arte e cultura.”

Pin It on Pinterest

Share This