Da domenica 21 marzo l’Enpa di Pescara con l’aiuto di associazioni animaliste e cittadini è alla ricerca del gatto fatto scendere dal treno ma che risultava appartenere ad una coppia in viaggio da Lecce e diretta a Torino. Il micio, che corrisponde al nome di Grisù, era probabilmente uscito dal trasportino e se andava gironzolando per il treno: scambiato per un “infiltrato” è stato fatto scendere alla stazione di Pescara.

L’Enpa nazionale diffida Trenitalia  e chiede che vengano presi provvedimenti nei confronti del capotreno e, attraverso le parole della Presidente Carla Rocchi parla di una vicenda assurda sottolineando come il responsabile “di questa assurda condotta si è reso colpevole del reato di abbandono di animali e maltrattamento”.

L’Enpa non esclude, tra l’altro, “un esposto per l’accertamento dei fatti e di costituirsi parte civile nel caso in cui il responsabile venga rinviato a giudizio per i reati commessi. Speriamo con tutto il cuore che la situazione si risolva nel migliore dei modi possibili, ma cose di questo tipo – conclude Rocchi – non devono più succedere”. 
   

Pin It on Pinterest

Share This