“Analisi linguistica delle cene di Anton Francesco Grazzini” questo il titolo della tesi di laurea di Giulia Fioriti che, a conclusione del percorso della Facoltà di Lettere Moderne presso l’Università G. D’Annunzio di Chieti-Pescara e con il relatore il prof. Emiliano Picchiorri, le è valso un bel 110 e lode. 

Affascinante ed estremamente moderno il tema trattato dal lavoro di tesi dedicato ad un giovane del 1500 che racconta, ne Le Cene, appunto, di dieci giovani, cinque ragazzi e cinque ragazze, che si riuniscono per tre giovedì consecutivi in periodo di Carnevale, narrando di intrighi amorosi, scherzi e beffe, fatti curiosi.

Alla neo dottoressa Giulia Fioriti, le felicitazioni dei genitori Donato e Silvia, della sorella Claudia, dei parenti ed amici ed ovviamente di tutta la redazione Lacerba che, ormai da più di un anno, dedica molto del suo spazio a questi nostri meravigliosi giovani che hanno gli occhi rivolti al futuro.

 

Pin It on Pinterest

Share This