Donatella Di PIETRANTONIO con il suo ultimo libro Borgo Sud (Einaudi Editore)  è tra i candidati alla LXXV edizione del Premio Strega, istituito a Roma nel 1947 da Maria Bellonci e da Guido Alberti, proprietario della casa produttrice del Liquore Strega, e che trae spunto dalle leggende di stregoneria che si tramandano fin dai tempi dell’antichità classica.

L’orgoglio abruzzese non può mancare di ricordare che il primo scrittore a ricevere il Premio Strega fu, nel 1947, Ennio Flaiano, con il libro Tempo di uccidere. Undici le donne che hanno vinto il Premio: nel 1957, Elsa Morante, seguita da Natalia Ginzburg, Anna Maria Ortese, Lalla Romano, Fausta Cialente, Maria Bellonci, Mariateresa Di Lascia, Dacia Maraini, Margaret Mazzantini, Melania Gaia Mazzucco e Helena Janeczek.

Borgo sud della Di Pietrantonio potrebbe essere il capolavoro ad unire femminilità e identità nel territorio. E noi ce lo auguriamo!  

Gli altri autori con le rispettive creazioni sono:

Andrea Bajani, «Il libro delle case» (Giangiacomo Feltrinelli Editore)
Edith Bruck, «Il pane perduto» (La nave di Teseo)
Maria Grazia Calandrone, «Splendi come vita» (Ponte alle Grazie)
Giulia Caminito, «L’acqua del lago non è mai dolce» (Bompiani)
Teresa Ciabatti, «Sembrava bellezza» (Libri Mondadori)
Lisa Ginzburg, «Cara pace» (Ponte alle Grazie)
Giulio Mozzi, «Le ripetizioni» (Marsilio)
Daniele Petruccioli, «La casa delle madri» (TerraRossa Edizioni)
Emanuele Trevi, «Due vite» (Neri Pozza)
Alice Urciuolo, «Adorazione» (66thand2nd)
Roberto Venturini, «L’anno in cui a Roma fu due volte Natale» (SEM Società Editrice Milanese)

 

Pin It on Pinterest

Share This