Su istanza della società civile tutta, le associazioni ed i singoli cittadini si sono fatti promotori di una manifestazione in difesa delle sorti dell’Ospedale San Massimo, incontro al quale sono state invitate tutte le autorità politiche del territorio comunale, provinciale e regionale e che avrà luogo il giorno 29 luglio alle ore 15.30 in Piazza Luca da Penne.
La manifestazione sarà preceduta dalla lettura del seguente comunicato che vale anche come motivazione ed invito affinché vi sia una sentita partecipazione.
Amici buon giorno, purtroppo nel nostro Ospedale continua la scure dei tagli che una politica matrigna continua a fare, mortificando i diritti e le necessità della Gente Vestina.
Il Presidente della Regione Abruzzo  e l’Assessore Verì continuano a buttare fumo negli occhi e a mentire affermando di averlo riqualificato ad Ospedale di Base. La verità risiede nelle carte e non nelle parole buttate al vento. CONSIDERANDO L’IMMINENZA DELL’APPROVAZIONE IN CONSIGLIO REGIONALE DELLA LEGGE DI RIORDINO SANITARIA E LA GRAVE SITUAZIONE PERSISTENTE NELL’OSPEDALE PER LA SOSPENSIONE DI SERVIZI PER LE FERIE ESTIVE (LE MALATTIE NON VANNO IN FERIE) ED ANCOR PIU’ GRAVE IL PROVVEDIMENTO DI SOSPENSIONE DELLA GUARDIA MEDICA NOTTURNA NEI REPARTI DELL’OSPEDALE E DEL DISPOSTO ORDINE IMPARTITO AL PRONTO SOCCORSO DI NON RICOVERARE I PAZIENTI NELLE ORE NOTTURNE, PROVVEDIMENTO CHE E’ STATO OGGETTO DI ESPOSTO ALL’AUTORITA’ GIUDIZIARIA. PREGHIAMO LE SS.VV. DI INTERVENIRE ALL’INCONTRO ED IMPLEMENTARE INIZIATIVE IMMEDIATE ATTE A SALVAGUARDARE LA VITA E LA SALUTE DEL POPOLO  VESTINO” 
Le parole sono quelle degli storici dissidenti  Michele Giancaterino e Tonino Marrone per lunghi anni impegnati nell’azione dell’Associazione Salviamo l’Ospedale di Penne e che oggi chiamano a raccolta la società civile, insieme a Gabriele Frisa, nell’agorá pubblica, affinché vi sia un confronto con tutti i cittadini.
Sicuramente alla manifestazione sarà presente Domenico Pettinari, vicepresidente del Consiglio regionale, il consigliere regionale Pd Antonio Blasioli e la consigliera regionale 5stelle Barbara Stella, per il Comune di Penne, l’assessore Pina Tulli così come per il sindacato Fials il segretario Gabriele Pasqualone. 
Non confermate le presenze dell’assessore regionale Nicoletta Verì, di Vincenzo Ciamponi, direttore generale della ASL di Pescara e di Guerino Testa, capogruppo in consiglio regionale di Fratelli d’Italia. Se così fosse, lo spettro di una trasformazione in un comizio -le elezioni sono troppo vicine per non far storcere il naso– e non in un efficace dibattito democratico che faccia capire come stiano realmente le cose e se è vero che l’ospedale di Penne tornerà ad essere un presidio di base a garanzia della salute di tutta l’area vestina, potrebbe aleggiare. D’altro canto, così come, sottolinea Giancaterino, gli organizzatori rigettano l’eventuale proposta di un incontro a porte chiuse sottolineando di nuovo come “la riorganizzazione prevista dalla giunta regionale non soddisfa le esigenze della realtà vestina. L’appuntamento quindi è per tutti è in piazza Luca, domani alle 15.30”

Pin It on Pinterest

Share This