E’ finita nel dramma la vita di Angela Carnevale, la giovane maestra calabrese ricoverata in rianimazione a Chieti dopo essersi sentita male il 31 maggio mentre stava per cominciare la giornata di lavoro nella scuola elementare di Montebello di Bertona. Una morte inspiegabile per la 35enne, insegnante di matematica e mamma di una bimba di un anno:  aveva avvertito un malore nel momento in cui era scesa dall’auto dopo un viaggio tranquillo da Montesilvano, dove viveva, per recarsi nella sede scolastica di cui era supplente.

Senza parole la comunità montebellese che aveva imparato a conoscere l’insegnante originaria di Casabona, paesino calabro del Crotonese; la notizia del decesso della giovane mamma è stata comunicata sui social dai suoi concittadini. “Speravamo in un miracolo e invece…”.

Erano intervenuti proprio tutti per tentare di aiutare Angela: dapprima gli operatori scolastici, poi l’azione del veterinario del paese che le aveva praticato un massaggio cardiaco senza esito e l’immediato arrivo da Penne di un’ambulanza del 118 il cui personale sanitario era riuscito a far riprendere l’insegnante, mentre nel frattempo la vigilessa si era già attivata procurandosi un defibrillatore. Ma a causa della gravità della situazione si era reso necessario far decollare da Pescara anche l’elicottero che aveva trasportato la donna all’ospedale di Chieti dove era stata ricoverata in rianimazione in stretta osservazione. Le condizioni della donna parevano volgere per il meglio, ma con il passare dei giorni il quadro clinico è peggiorato fino al tristissimo epilogo. 

Pin It on Pinterest

Share This