PENNE – E' finita con le dimissioni da membro di diritto del comitato ristretto dei sindaci della Asl pescarese da parte del sindaco uscente Donato Di Marcoberardino. E' l'unica notizia di un consiglio comunale straordinario, l'ennesimo sulla sanità vestina, che per la prima volta si era riunito in trasferta, nella sala del consiglio provinciale di Pescara. Nessun esponente della Asl è intervenuto nè politici ed amministratori regionali, provinciali e locali. Tutti assenti, tranne il vice sindaco di Loreto, Sablone.

 

Un flop anche annunciato vsto che l'assise civica pennese sta mostrando segni di criticità estrema se si pensa che il consiglio comunale del 23 febbraio non è stato ancora completato: se ne riparlerà il 29 marzo. Dunque, il gesto di Di Marcoberardino, per quanto significativo, appare fine a sè stesso visto che il primo cittadino è ormai con la valigia in mano non essendo stato ricandidato alle prossime elezioni del 15 e del 16 maggio. Ne esce malissimo tuttavia anche la Asl. Il direttore generale D'Amario a settembre aveva promesso che entro Natale sarebbe tornato a Penne per fare il punto della situazione che sarebbe migliorata sicuramente per l'ospedale "San Massimo".

Pin It on Pinterest

Share This