PENNE - Assolto perchè il fatto non costituisce reato, cioè Gabriele Pasqualone, consigliere comunale ma in questo caso segretario provinciale della Fials, è uscito indenne dal processo per diffamazione a mezzo stampa che gli aveva intentato la Asl nella persona di Vero Michitelli, capo del personale.

Insieme con Pasqualone, a giudizio c'era anche Pietro Lambertini de Il Centro, il cronista che aveva raccolto le parole di Pasqualone qualche anno fa durante una conferenza stampa nella quale attaccava l'operato della Asl che aveva trasferito una sua iscritta con motivazioni poco chiare. Questa mattina il giudice monocratico del tribunale di Pescara Nicola Colantonio ha assolto i due imputati, dopo che anche la procura della Repubblica, che pure aveva chiesto ed ottenuto il rinvio a giudizio, aveva chiesto l'assoluzione. Pasqualone, difeso dall'avvocato Marino Marini del foro di Roma, aveva dichiarato che la Asl aveva assunto nella vicenda della dipendente trasferita un atteggiamento fascista. Il dirigente Michitelli aveva interpretato quelle parole come dirette alla sua persona e al suo ruolo ed aveva querelato i due.