Luglio 23, 2019

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha

Politica

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - Il Partito democratico, ormai in fase di decomposizione, dopo aver contribuito con le fallimentari politiche di Matteo Renzi a una profonda crisi sociale del Paese, che ha rivelato la crescita delle diseguaglianze, strozzato artigiani e piccoli imprenditori, massacrato la classe operaia e distrutto la sanità pubblica a favore di quella privata, si edifica a paladino della dignità e della moralità civile.

"La nostra amministrazione comunale non ha autorizzato la costruzione del "parco commerciale" in contrada San Salvatore. È fuorviante la notizia diffusa dal capogruppo del M5S Luca Falconetti: nell'ultimo consiglio comunale, infatti, abbiamo solo incaricato il responsabile dell'area Urbanistica ad acquisire il progetto proposto da un soggetto privato, che intende realizzare un supermarket di medie dimensioni nella periferia della città, nei pressi dei siti commerciali ex Sosty ed ex Lidl, e avviare l'esame tecnico volto a una valutazione complessiva".

Ormai da tempo la Fondazione Paolo VI è alla ricerca di una nuova sede che possa garantire un servizio ottimale per tutti i suoi utenti. Stiamo parlando di circa 15.000 prestazioni sanitarie, 5.000 prestazioni sanitarie domiciliari e circa una trentina di posti di lavoro, non proprio pochi, un servizio fondamentale per tutta la collettività vestina.

Sandro Marinelli, sindaco di Pianella, lascia Forza Italia o meglio rompe il sodalizio politico che aveva con il consigliere regionale del partito berlusconiano Lorenzo Sospiri. Un rapporto durato anni che ha portato al primo cittadino di Pianella solo vantaggi politici: per ben due volte è stato voluto e sostenuto, da Sospiri, come candidato sindaco, come è stata voluta e sostenuta la sua elezione, nella scorsa consiliatura, a consigliere provinciale.

Si è riunito, sabato 3 novembre 2018, il Tavolo di Coordinamento delle Aree Omogenee composto dai sindaci a capo delle rispettive Aree Omogenee che rappresentano tutti i 56 Comuni abruzzesi appartenenti al cratere sismico – sisma Abruzzo 2009, convocato d’urgenza a causa della grave e profonda immobilità che sta caratterizzando il processo di ricostruzione post-sisma Abruzzo 6 aprile 2009 che è ormai bloccato, in quanto ad oggi non è stato individuato né il Titolare dell’USRC (Ufficio per la Ricostruzione dei Comuni del Cratere di Fossa) né il sottosegretario delegato alla Ricostruzione che ha il compito di fare da raccordo tra il Governo, la città dell’Aquila e i comuni del cratere.

A due giorni dalle elezioni del presidente della Provincia di Pescara Vincenzo Catani ribadisce i motivi della sua candidatura: “Alla vigilia del voto grazie al sostegno dei numerosissimi amministratori della nostra provincia sono sempre più convinto della mia vittoria – spiega Vincenzo Catani, 52 anni, sindaco di Picciano e consigliere provinciale al secondo mandato - .

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - Gentile direttore, in attesa che il segretario del PD, Andrea Vecchiotti costituisca la piattaforma programmatica, apparecchi i tavoli ai convenuti, componga il parlatorio sovietico, convochi le conferenze ipnotiche con la società civile e illumini il popolo sul sesso degli angeli, noi continueremo la nostra battaglia politica intrapresa con determinazione per tutelare il territorio vestino e rilanciare la Città di Penne dopo i disastri che abbiamo ereditato dal Pd.

“La gestione del CAS, il Centro di prima accoglienza dei presunti profughi, di Loreto Aprutino, allestito nella Tenuta Borgo Cancelli, richiede chiarimenti urgenti. Mentre ancora attendiamo gli esiti dell’esposto presentato in Procura nel 2017, in cui abbiamo denunciato una situazione di totale caos in cui vivevano gli immigrati ospitati nella struttura, nuovi dettagli preoccupanti si sono aggiunti negli ultimi giorni.

“Mi trovo estremamente in difficoltà nel rispondere (automaticamente) a degli sconosciuti visto che la destra pennese non ha nemmeno la decenza di firmare con i nomi degli estensori dei comunicati che ormai da tempo hanno un contenuto esclusivamente fatto di attacchi personali nei miei confronti e zero contenuti politici.

“La biblioteca pubblica di Penne continua a restare chiusa da oltre 2 anni, non è mai stato possibile riaprirla dopo gli eventi sismici e le forti nevicate degli scorsi anni. Ancora pasticci e promesse dalla Regione che non da seguito alla convenzione,  che probabilmente giace in qualche cassetto, in attesa che qualcuno realizzi quanto previsto dal patto stipulato con il comune per riaprire i locali della lettura”.

 

I deputati abruzzesi del Pd Camillo D’Alessandro e Stefania Pezzopane intervengono sull’emendamento Penne definito norma "doppio imbroglio". "È scandaloso – scrivono i due deputati - che un Sottosegretario di Stato, deputati e consiglieri regionali  dei 5Stelle esultino per una norma doppio imbroglio fatta approvare alla Camera dei Deputati".

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - La buona educazione sempre al primo posto, motivo per cui ci sentiamo di chiarire ma non replicare. Questa non è una risposta, o il seguito di un “botta e risposta senza fine”, bensì un cordiale chiarimento che intendiamo offrire in totale spirito democratico al caro Gianni Filippone, Consigliere Comunale Capogruppo di Pianella Vicina che probabilmente, non ha ben inteso il senso della nostra scelta opportunamente ponderata in un contesto caratterizzato da forte spirito di gruppo e grande collaborazione.

Error: No articles to display

Error: No articles to display