RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - “In merito all’articolo apparso su Il Centro edizione del 24 ottobre 2018 dal titolo “Centrodestra a caccia di un candidato per la Regione” personalmente ed in rappresentanza del circolo di Penne del Partito Democratico, mi sento in obbligo di smentire quanto riporta detto comunicato.

Innanzitutto invitiamo l'assessore pennese di Forza Italia Campitelli a ricordare quei tanti reparti chiusi durante la giunta Chiodi ed i tanti tagli al personale dell’ospedale San Massimo che sicuramente non hanno contribuito ad aumentare le utenze necessarie ai sensi del DM Lorenzin. Proprio riguardo  quest'ultimo il governo Lega-Movimento 5 Stelle ha inserito a pagina 100 del DEF la piena attuazione di predetto decreto che, stando alla lettera, ridurrebbe i posti letto dagli attuali 70 a 36. L’assessore alla sanità pennese Tulli, appena entrata a far parte del gruppo consiliare della Lega e che molti rumors danno quale prossima candidata alla Regione, sembra sostenere in pieno questa scelta governativa. Per non parlare dell’assenza o pressoché tale di investimenti su viabilità ed infrastrutture nell'area Vestina durante la giunta Chiodi.  Come circolo stiamo cercando di costruire una piattaforma programmatica per il rilancio di Penne e dell’intera area vestina partendo da quelle che consideriamo essere le nostre priorità: istruzione, viabilità, lavoro ed occupazione, sanità, turismo e cultura, ambiente, politiche giovanili, agricoltura. Per la realizzazione di questa piattaforma stiamo coinvolgendo nella discussione i circoli di tutta l’Area Vestina, da Farindola a Città Sant’Angelo, attraverso il Coordinamento politico di zona vestina, e stiamo cercando di allargare la coalizione agli altri partiti che fanno riferimento alla sinistra ed al centro sinistra, ai cittadini ed alla società civile, ai sindacati ed al mondo dell’associazionismo. Solo una volta completata questa fase verrà scelto, attraverso una discussione interna aperta ed indipendente, un rappresentante adatto al nostro programma, rappresentativo dell’intero territorio vestino e soprattutto che rimanga dentro questo progetto durante l’intera consiliatura regionale e non si separi come, purtroppo, accaduto in passato. Riteniamo che il progetto, la nostra idea di sviluppo, la conoscenza di quanto di buono e di sbagliato fatto, il confronto con i cittadini e con i loro problemi vengano prima delle candidature. Le discussioni su nomi, pettegolezzi, correnti e divisioni personali riempiono più le pagine di giornali che non il pensiero del Partito Democratico, ancor meno nel circolo di Penne.”

Andrea Vecchiotti – Coordinatore Circolo Partito Democratico Penne