PIANELLA - Il Sindaco di Pianella Sandro Marinelli, interviene per replicare al consigliere comunale Massimo Di Tonto del gruppo consiliare di minoranza “Pianella Amica”, il quale ha diffuso una nota con la quale addebita alla maggioranza la mancanza di volontà nel risolvere la problematica legata ad una frana che interdice il transito in c.da San Michele.

“La mozione presentata dal Consigliere Di Tonto – spiega il primo cittadino - in realtà non aveva alcuna seria volontà di portare alla soluzione del problema, ma si è rivelato il solito tentativo di strumentalizzazione di una esigenza seria per finalità meramente elettorali. Invero, gli stessi colleghi di minoranza hanno fatto notare, senza troppo successo, al Di Tonto come avesse presentato una mozione contenente dati tecnici dei quali si ignorava la provenienza e che non potevano certo formare oggetto di un deliberato del Consiglio Comunale. Pertanto, dopo avergli ricordato che la soluzione dei problemi legati al dissesto idrogeologico è attività assai complessa e gli atti pubblici sono strumenti seri ed importanti, lo abbiamo informato che, in realtà, la situazione, già oggetto di sondaggi geologici, è diversa da quanto egli aveva impropriamente scritto nella mozione e che l’amministrazione, benchè alle prese con numerose criticità, è in procinto di avviare i lavori per il consolidamento della strada di c.da San Michele già dalla prossima primavera, per cui l’iniziativa si rivela, oltre che inopportuna per la sua parzialità, anche intempestiva”. “Del resto – conclude il sindaco – appare davvero singolare che la minoranza si occupi di frane a distanza di sole poche settimane dal consiglio comunale nel quale, nascondendosi dietro ad un cavillo regolamentare, ha impedito che si approvasse in via d’urgenza una mozione per protestare contro la revoca dei fondi da parte della regione per il consolidamento di c.da Fornace, area abitata a ridosso del centro storico ed a massimo indice di rischio idrogeologico, con ciò rendendo chiaro come alcuni consiglieri comunali subordinano gli interessi del territorio a quelli dell’appartenenza partitica e, a fronte delle numerose ed importanti situazioni di dissesto presenti a Pianella, si occupano solo delle aree dove ritengono possano acquisire consenso elettorale, mentre questa amministrazione lavora incessantemente per risolvere tutte le criticità, secondo criteri oggettivi ed omogenei, occupandosi con eguale attenzione dell’intero territorio e di tutti i cittadini”.