Febbraio 19, 2019

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha

Politica

Angela Scurti è il nuovo presidente della commissione cultura. La sua nomina, all'unanimità, è del 27 dicembre scorso: "in questo primo mese di lavoro" spiega "ho iniziato a discutere con l'assessore alla cultura Roberta Rullo e gli altri colleghi amministratori sulla direzione che vogliamo far prendere all'ambiente culturale di Spoltore, e in particolare alla formula da adottare per le manifestazioni estive e lo Spoltore Ensemble".

PENNE – L'ultimo eletto pennese alla Regione è stato Angelo Tontodimamma nel lontanissimo 1995: con 150 preferenze personali nei Verdi riuscì, grazie ai voti di lista ed alla scelta di Giovanni Damiani di lasciare la Regione, persino a diventare assessore nella giunta di Antonio Falconio. Ora, ci provano in sei: due nel centro destra (Marco Marsilio presidente) e quattro nel centro sinistra (di cui tre donne) a sostegno di Giovanni Legnini presidente, nessuno per i pentastellati di Sara Marcozzi presidente: il Movimento 5 Stelle è all'opposizione in Comune, mentre la Lega è in maggioranza.

"Ti auguro un nuovo anno all'insegna del fare, trovando il coraggio di affrontare le sfide mettendoci sempre la faccia".

Questo l'augurio per il nuovo anno contenuto in un simpatico video che, sul profilo di Facebook, vede come protagonisti Roberto Ruggieri e suo figlio Filippo i quali brindano insieme al 2019, invitando chi li guarda a fare altrettanto. Ad ascoltare le parole del brindisi, la sensazione che si riceve è pari a quella di una grande carica energetica atta a stimolare la voglia di fare che, come affermato nel video in questione, si vuole trasmettere e dichiarare a chi guarda, dal momento che lo stesso Ruggieri si definisce come persona dinamica che ama fare piuttosto che stare a guardare, agire piuttosto che limitarsi a dire.

Tocca a una destra incarnata da Matteo Salvini a rialimentare la speranza in un Abruzzo e soprattutto in un'area nostrana da anni sprofondati nell'emergenza e con un entroterra troppo distante dal mare, in tutti i sensi. Ha vinto (troppo) largamente com'era nelle previsioni questo Marco Marsilio, sconosciuto ai più, trascinato da una Lega che fa notizia nel modo in cui si è impossessata dei territori, basti pensare alla quota 32% toccata nella rossa sfuocata Loreto Aprutino, il 25% a Penne dove Marsilio incassa nel complesso il 45,56% (5 Stelle il 32,27%, Legnini il 22,06%).

Leonardo D'Addazio, dipendente della Roman Style Brioni e sindacalista di punta della Cisl, aspira a diventare consigliere regionale: è in lista con Fratelli d'Italia ed appoggia la candidatura a presidente di Marco Marsilio. “Ho deciso di candidarmi raccogliendo l'invito di molti cittadini che hanno manifestato l'esigenza di avere un rappresentante della zona vestina in consiglio regionale.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - Notiamo che il consigliere comunale Savini, sempre silente sulle questioni che riguardano Penne, si infuria solo quando viene contestato l’operato del suo capo politico, fregandosene dei problemi che molti cittadini pennesi saranno costretti ad affrontare, dopo la decisione del governo Lega-M5S di non stanziare i più di 5.000.000€ di finanziamenti necessari a mitigare il rischio idrogeologico in numerose contrade pennesi, dove centinaia di famiglie da anni vivono in condizioni di difficoltà per via delle condizioni precarie della viabilità.

Il Tribunale amministrativo della Campania ha respinto il ricorso presentato dalle società partecipate dalla "Corbo Group Spa" di Sessa Aurunca (Caserta), tra queste anche la ditta Progetto Scuola Penne Srl, per l'annullamento dell'interdittiva antimafia emessa dalla Prefettura di Caserta a seguito di una inchiesta penale portata avanti dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro e nella quale era stato coinvolto uno degli amministratori della società Corbo Group.