Erano ormai anni che maltrattava e minacciava gli anziani genitori ed il fratello convivente, costretti a vivere con il perdurante timore della propria incolumità e a subire tutti i soprusi che M.I. 49 enne di Penne, in preda ai fumi dell’alcol di cui abusava abitualmente, metteva quotidianamente in atto nei loro confronti.

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Penne, nella serata del 6 giugno u.s., sono intervenuti per una lite in famiglia ed al loro arrivo hanno verificato che il 49 enne, visibilmente esagitato per l’abuso di sostanze alcoliche, aveva colpito con un pugno il padre 75 enne e si era poi scaraventato verso il fratello sferrandogli un pugno al volto e tentando di colpirlo ancora con un vaso, l’aggressione trovava fine solo grazie al pronto e deciso intervento dei Carabinieri che riuscivano a immobilizzare M.I. e a prestare soccorso ai malcapitati.

Il 49 enne, che nel 2014 già era stato arrestato per i medesimi atti compiuti nei confronti dei familiari, è stato arrestato per “Maltrattamenti in famiglia” ed è stato tradotto al carcere di Pescara.

L’attività condotta dai militari dell’Arma ha accertato inoltre che l’arrestato, dedito all’abuso di alcol, da anni sottoponeva, in una storia di degrado quotidiano, a maltrattamenti fisici e vere e proprie prevaricazioni con atti di violenza, soprattutto psicologica, gli anziani genitori ed il fratello.