(ANSA) - PESCARA, 6 FEB - Firmate 25 richieste di rinvio a giudizio, dal procuratore capo di Pescara Massimiliano Serpi e dal sostituto Andrea Papalia, nell'ambito dell'inchiesta sul disastro dell'Hotel Rigopiano di Farindola (Pescara) che il 18 gennaio 2017 costò la vita a 29 persone.

Tra questi sono confermati i nomi dell'ex prefetto di Pescara Francesco Provolo, dell'ex presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco e del sindaco di Farindola Ilario Lacchetta. Le indagini, compiute dai carabinieri forestali, vertono principalmente sulla mancata realizzazione della Carta valanghe, su presunte inadempienze relative a manutenzione e sgombero delle strade d'accesso all'hotel e sul tardivo allestimento del Centro coordinamento soccorsi. I reati ipotizzati dalla Procura, a vario titolo, vanno dal crollo di costruzioni o altri disastri colposi all'omicidio e lesioni colpose all'abuso d'ufficio e al falso ideologico. Ora il Gup, in sede di udienza preliminare, dovrà pronunciarsi sulla richiesta della Procura.